Posted on Lascia un commento

Cento

La notte con il suo cambio accellera i pensieri e la musica con le sue note addolcisce l’ambiente. Voglio iniziare così questa sera tra la stanchezza e la consapevolezza di aver dato molto ed il senso di colpa per non esser stato abbastanza. C’è un numero che rappresenta il 100 e si identifica con il massimo, dai il 100% credici ed anche di più, mamma mia quante volte l’ho detto ed ascoltato, ma trovarselo anche come pettorale oggi è stata una coincidenza che prima di andare a letto questa sera volevo condividere con voi, anche perchè da solo tutto ciò potrebbe essere troppo.

E’ il troppo che appesantisce i pensieri, le parole e le azioni. E’ quella piccola differenza tra il limite che puoi sopportare e non, è quella piccola differenza che ti permette di entrare o uscire, è quella piccola differenza che ti fa andare avanti o fermare, è quella piccola differenza che ti fa sentire te stesso. Ho provato e voluto molti 100 , con la voglia di cambiare , di arrivare, di volere, di fare che mi hanno regalato emozioni e persone meravigliose, uniche e preziose che sono state così tante ed importanti che ora sono convinto di non dar loro la giusta forza e valore.

La forza che vorrei trasmettere a tutti, la forza di crederci, la forza di andare avanti, la forza di cancellare quel troppo , quella differenza che può cambiare tante cose e la vita di tante persone, ma a volte il 100 non arriva e pur sforzandoti in tutti i modi per trovare la via per guidarlo con il tuo cuore , non va come tu
vorresti e ti rendi conto velocemente che quella piccola differenza non è poi così piccola e non puoi nasconderla.

Mi hanno colpito molto le parole di Papa Francesco questi giorni riguardo la famiglia, io vi considero tale, anche se virtuale, e non so bene quanti siate. Sono state evidenziate tre parole: Permesso, Scusa, Grazie.

E’ il PERMESSO di scrivervi ed entrare nella vostra vita , sono le SCUSE che rivolgo a chi non ha potuto vivere il mio 100 e l’ho deluso, è il GRAZIE per chi mi ha perdonato e fatto entrare. E’ giunto il momento di riposare, di rimanere un po’ in silenzio per recuperare le forze per rappresentare ancora di più e meglio il 100.

Buona Notte
Riccardo

Please follow and like us:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.