Francesco Albertini – 100km Passatore

nessun commento

Foto_FrancescoAlbertini

 

Conosco Riccardo lo scorso inverno durante alcuni allenamenti tecnici sulle colline romagnole organizzate dagli amici di Trail Romagna. Ci parla della sua organizzazione, un po’ di sfuggita, senza neanche reclamizzarsi. Io vengo da un Passatore incompiuto, ma poi da una maratona di Ravenna positiva. Ho voglia di riprendere il cammino con nuovi stimoli. Decido di chiedergli se puo’ darmi una mano a prepararmi ad affrontare il Passatore 2018 e accetta con piacere. Le sue tabelle inizialmente mi spaventano un po’ . Avevo gia’ iniziato l’ anno per conto mio aumentando le sedute di potenziamento muscolare in palestra, ma Riccardo aumenta anche i kilometraggi ! Mi butto nella nuova preparazione con entusiasmo, sperando di non ‘rompermi’ A destra e manca vari amici e conoscenti runner si infortunano tra menischi ginocchia anche e polpacci che cedono, quindi cerco sempre prestare attenzione anche alla cura dei riscaldamenti defaticamenti e stretching ‘Train insane or you will remain the same’. Tra i ‘picchi’ della preparazione un bel lungo collinare da svolgere proprio qualche giorno dopo la 50 km di Romagna sempre con la testa rivolta al Passatore. I lunghi si avvicendano l’ uno dopo l’ altro, al fine settimana, dopo allenamenti specifici infrasettimanali. Accumulo ‘colline’ di km ma il lungo dei lunghi che psicologicamente mi dara’ maggiore sicurezza nell’ affrontare il Passatore e’ quello che mi prescrive Riccardo a poco meno di tre settimane dalla gara. Corro 52 km su un circuito collinare poco sopra Faenza, con partenza all’ ora del Passatore, dalle ore 15 sotto sole spietato. Per fare il Passatore ci vuole molta testa su solide gambe. Vertiginosamente si avvicina il fatidico weekend. Giungo a Firenze il giorno prima della gara, spronato dal coach soprattutto a ‘divertirmi’ La gara parte in un caldo afoso, oltre i 30 gradi. Fatica fin da subito, dalle prime salite. Gia’ raggiungere Fiesole e’ una piccola impresa. Da qui ci si regola per tutto il resto. Si corre e si fanno anche tratti camminando. Durante tutto il percorso, alla luce del sole o della luna, si ripercorrono anche i momenti della preparazione, di tutti i km corsi al freddo, al buio, sotto la pioggia. Non si puo’ cedere ora. Soprattutto quando si incontrano compagni con varie motivazioni e problematiche, ognuno con la propria spinta verso la meta, e le proprie sofferenze. A Riccardo avevo anche chiesto dritte su bevanda integratore, che testata nel lunghissimo di tre settimane prima, funziona. Arrivo alla Colla ‘integro’ e senza troppi disturbi allo stomaco, che mi avevano gia’ stoppato in due edizioni, anche dopo un paio di birrette. Mi sento pronto a proseguire. E comincia la seconda parte della corsa, quella piu’ bella e sofferta, notturna e combattuta. Il mio mantra e’ : devo tornare a casa con le mie gambe.

FrancescoAlbertini_2

 

Le gambe ci sono, la testa funziona. Sul percorso, capita di incoraggiare alcuni amici e conoscenti concorrenti in forte difficolta’ in fondo cosi’ facendo faccio forza anche a me stesso. Sotto la luna piena, sugli appennini tosco-romagnoli, con il Lamone che si corre al tuo fianco si prosegue oltre Marradi, dopo una crisi lunga dieci km, e quindi si raggiunge il confine tra le province di Firenze e Ravenna. Arrivati li’ psicologicamente scatta qualcosa, si riprende magicamente fiducia, la mente si rischiara a mezzanotte, le energie riaffluiscono. Dopo S. Cassiano Brisighella e’ sempre piu’ all’ orizzonte. Gli ultimi 10 km sono certo molto faticosi ma si corrono con tanto entusiasmo. Il Passatore che ti accoglie sulla rotonda all’ entrata in Faenza ti dice che quest’ anno SEI PASSATORE anche tu. A due runner che supero di slancio urlo con gioia questa lieta novella. L’ ultimo km si corre con le ali ai piedi. Ci sono fisicamente e mentalmente, ed eccomi al traguardo in 14 ore e 29 minuti. Ce l’ abbiamo fatta. E grazie anche a Riccardo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.